•  Navigation
  •  

    Non sono una di quelle persone che ama i cani.
    Non una di quelle che ama i cani e non le persone, amo anche i proprietari…quando non mi è proprio impossibile farlo.
    Entrare in una famiglia, nella loro casa, nelle loro abitudini è un pò come violare la loro intimità e lo fai da perfetta sconosciuta.
    Non è facile parlare con un viso che fino a qualche minuto prima non sapevamo neanche chi fosse; eppure in questo sono brava, sono brava a non essere invadente, a non portare polemiche sterili e giudizi affrettati.

    Cucciolo cane

    Cucciolo cane

    Sono brava a mettere a loro agio le persone e a lasciar cadere freni e preoccupazioni nel dirmi che a volte perdono la pazienza, a volte si sentono frustrati, si arrabbiano e alzano la voce, a volte ignorano completamente i bisogni etologici di un cane o attribuiscono al cane aspetti che non gli appartengono e a volte leggendo su internet hanno copiato un consiglio o un metodo o hanno dato una sculacciata al cane.
    Ma a me serve sapere di più, serve sapere se hanno tempo da dedicargli e quanto, se lo vivono come un peso o come una gioia, se a volte sono infastiditi dalla sua presenza o se non possono farne a meno. Mi serve sapere come lo vivono, come lo sentono.

    E il più delle volte se sai andare a fondo, se sai vedere oltre ai loro comportamenti scopri persone che hanno agito in un determinato modo perché non sapevano che fare, perché leggevano male i comportamenti del cane o non li leggevano proprio, perché qualcuno crede ancora che i cani facciano i dispetti o che Cesar Millan sia il genio della cinofilia. Qualcuno quando parli di emozioni e stati emotivi del cane …cade dal pero.

    Non importa il perché e il come…importa che ora sono qui, ci sono arrivati e stanno chiedendo aiuto ad un professionista.Io guardo quello, mi concentro su quello e su quella richiesta di aiuto metto la bandierina di inizio, l’inizio del cambiamento.
    Quasi tutti ce la fanno, alcuni rendono il percorso straordinario, altri fanno del loro meglio…ma tutti ci provano.

    Questo è stato un mese molto ricco di crescita; per me questo mese ha significato molto perché sono tornata a sperare che le persone positive, speranzose, ottimiste, possibiliste, gioiose, scherzose, gentili e sorridenti ci sono e sono davvero tante. Davvero tante, direi quasi tutte quelle che ho conosciuto. Mariavittoria ha vinto la sua paura di liberare Dida nei parchi per farla correre e saltellare felice, Vittorio che si commuove perché Tequila impara e cresce, Lisena che si costringe ad essere meno ansiosa per lasciare che Buio esplori il mondo, Claudio cha ha preso Daisy e sta facendo con lei un percorso delicato e arricchente a livello emotivo, Sabrina ed Enzo che discutono sulla gestione esperienziale di Chanel e Apple come fossero dei figli, Antonia e Nina che pur con tutte le difficoltà di vivere serena che ha Nina viene accettata e amata profondamente, Letizia che si affligge con continui sensi di colpa per la paura di non rendere felice Pina e poi ci sono loro: Laura Enrico e Castagna.

    Laura Enrico e Castagna li ho visti stamattina, vivono nella zona più viva e caratteristica di Milano, i Navigli. Sarà che è la mia città e in quelle zone ci ho fatto nottata per anni, sarà che conosco i locali, i ristoranti e gli angolini romantici e ricchi di storia, sarà che loro mi piacciono un sacco, il fatto è che con loro non sembra mai una lezione ma una passeggiata tra amici.
    Laura bella e intelligente, pronta ad ascoltare, capire e mettersi in discussione. Alla prima lezione era ovviamente focalizzata su cosa vedeva e su cosa voleva, sui comportamenti da cambiare e i problemi da risolvere, ma quello che mi ha colpito da subito era il suo desiderio di capire.
    Chi è Castagna, cosa le piace, cosa non le piace? Cosa la rende sicura e cosa la rende insicura? Quali sono i suoi punti forza e quali le sue debolezze?
    Laura non voleva cambiare a tutti i costi i comportamenti a lei sgraditi, prima di tutto li voleva capire. Questo fa la differenza, tutta la differenza in un rapporto.
    Si, Laura mi è piaciuta da subito, a pelle e nonostante avesse per cucciolo “il demonio fatto cane” cercava di essere comprensiva e paziente perché capiva benissimo che un cucciolo non può essere più di un cucciolo. Data la sua professione le è venuto spontaneo annotarsi su un foglio una sequenza di domande dettagliate e precise. Nessuna lagna, nessuna stanchezza o frustrazione nel vivere 24 ore al giorno col “demonietto”, solo il desiderio di insegnarle a stare un pochino più calma e mordere meno mani, piedi, capelli, ciabatte, divano, tavolo etc.

    53061451 - young woman with her pet, golden retriever, relaxing together

    Enrico, il marito di Laura l’ho conosciuto poi. Beh…che dire se non assolutamente affascinante quanto lei?
    Attentissimo a cosa Castagna annusa, cosa la incuriosisce per strada, si ferma quando lei si ferma perché attratta da qualcosa, fa decidere a lei le interazioni con cani e persone durante la passeggiata, la osserva, la stimola, ci gioca, condivide.
    Si potrebbe dire di lui: “Un uomo che il cane lo sente dentro, lo sente di pancia, a livello emotivo”. Questo è davvero tanta roba! Non fa gesti meccanici, non catene di comportamenti appresi senza capire…lui Castagna la capisce davvero.

    Lei precisa e applicativa, lui anarchico e sperimentatore. Tutti e due totalmente empatici con Castagna e attentissimi a lei a farla vivere bene.
    Attentissimi a renderla serena.
    Qualcuno ha detto una volta “Noi siamo proprietari fortunati perché possiamo rendere felice il nostro cane” e questo desiderio io lo vivo fortissimo in loro.
    Ecco perché oggi una bella sensazione mi ha accompagnato per l’intera giornata.
    Ecco perché le mie lezioni non durano mai solo un’ora ed ecco perché amo le persone, oltre ai cani.
    Questa professione mi ha insegnato a vedere le persone.
    Un proprietario lo vedi dagli occhi del suo cane. Se sai leggere gli occhi di un cane, non servono altri strumenti

    21066207 - young man with his yellow labrador retriever in nature - back lit

    Cane e proprietario

     

  • Se ti è piaciuto questo articolo condivilo: a te non costa nulla e per me è importante!

  • Iscriviti per restare aggiornato sui miei futuri articoli.

    Iscriviti